Vuoi più autisti Uber donne? Ecco come farlo accadere

David Plouffe, abbiamo alcuni suggerimenti.

Vuoi più autisti Uber donne? Ecco come farlo accadere

Uber annunciato di recente una partnership con UN Women per reclutare un milione di donne autiste entro il 2020, una mossa che fa ovviamente parte di un gioco più ampio per migliorare la sua immagine pubblica. Uber ha un problema delle donne , e con l'ex manager della campagna di Obama/genio delle pubbliche relazioni David Plouffe alla guida della campagna Uber , è difficile non vederlo come ( altro ) uno degli stratagemmi di marketing leggermente cinici del colosso della condivisione dei viaggi.



A questo punto, nel suo comunicato stampa congiunto con le Nazioni Unite, Uber non ha delineato piani concreti per attirare le donne al di là di una linea vaga: intendiamo investire in programmi a lungo termine nelle comunità locali in cui viviamo e lavoriamo. Ma se Uber volesse davvero essere un datore di lavoro più accogliente per le donne, cosa dovrebbe fare?

In un piccolo modo, Uber ha già un vantaggio sui tassisti tradizionali nel suo gioco per attirare le donne: i conducenti non gestiscono molto, se non del tutto, denaro. La maggior parte dei perpetratori del crimine, quello che stanno cercando è la rapina, Tamika Mallory, la portavoce di SheRides, un servizio taxi per sole donne a New York, ha detto Azienda veloce . I servizi basati su app consentono ai conducenti di trasportare molto meno denaro, diminuendo il rischio di furto, un'attrazione per le persone che cercano di non essere derubate sul posto di lavoro.



La semplice esistenza di questo fatto, tuttavia, non ha portato a un'ondata di conducenti Uber donne. Uber si aggira intorno alla (bassa) media nazionale per i conducenti di sesso femminile. A dicembre, il 14% dei suoi conducenti, a livello nazionale, erano donne. Questo è solo un pelo più alto delle tariffe nazionali: secondo il Ufficio del lavoro e delle statistiche , il 12,7% delle 383.000 persone che lavorano nel settore dei tassisti e degli autisti sono donne. (Il numeri sono molto più bassi a New York City, dove le donne costituiscono solo l'1 percento della popolazione che guida un taxi.) Lyft, d'altra parte, dice che il 30 percento dei suoi autisti sono donne; Sidecar ha affermato che il 40% dei suoi conducenti sono donne.



L'avversione femminile per la guida di estranei in auto è molto più profonda del potenziale di rapina. La guida in taxi è considerata un'occupazione di basso prestigio e alquanto pericolosa. Hai a che fare con il pubblico al suo peggio; sono spesso ubriachi, violenti o cercano di saltare le tariffe, Graham Hodges, autore di Taxi!: una storia sociale del tassista di New York City , detto fortuna Claire Zillman. Zillman osserva inoltre che i tassisti hanno 20 volte più probabilità di essere uccisi sul lavoro rispetto agli altri lavoratori.

Convincere le donne a trascurare questi rischi richiede fiducia, qualcosa che Uber, con le sue tattiche spietate e la serie di incidenti di aggressione a Boston, Chicago e Delhi, è seriamente carente. Vediamo molti piloti infelici perché vengono spinti in giro, manipolati e fregati ad ogni svolta. Vediamo una cultura che è davvero insensibile nei confronti delle donne. Queste due cose dovrebbero cambiare con un vero cambiamento, non con le pubbliche relazioni, ha detto Dave Sutton, un portavoce di Chi ti guida? , un'organizzazione di pubblica sicurezza che rappresenta la Taxicab, Limousine & Paratransit Association.

Sì, è molto da chiedere a un'azienda che si è rifiutata in modo aggressivo di cambiare il modo in cui opera. Ma, nel caso in cui decidesse di ripensare al modo in cui si avvicina al fare affari, ecco alcune cose reali che Uber potrebbe fare per attirare le donne in modo reale.

Recluta e assumi donne a tutti i livelli



Uber's team esecutivo distorce molto maschio. In Lyft, invece, 14 dei primi 30 dirigenti sono donne. Avere più donne alla guida di un'azienda non solo aiuterebbe Uber a comprendere meglio le esigenze delle donne. Invia anche il messaggio giusto. Quando vedi altre donne in ruoli di leadership o ruoli non tradizionali, questo ti dà la sicurezza di poterlo fare anche tu, afferma Kira Wampler, CMO di Lyft.

Concentrati su un impegno attivo e umile

Quando guardi i numeri, ti dice che c'è stato un problema con l'inclusività, ha detto Mallory di SheRides. Uber dovrebbe fare di tutto per far sentire le donne al sicuro e benvenute. Questo processo dovrebbe iniziare con l'ammissione che il suo servizio finora non è sempre stato sicuro per le donne, afferma Britni de la Cretaz, fondatrice del Safe Hub Collective, che ha cercato (e fallito) di collaborare con Uber per rendere la guida più sicura a Boston. Successivamente, Uber dovrebbe uscire e reclutare attivamente donne. C'è stata un'arroganza, una sorta di livello in cui non è stato inclusivo per le donne in generale, spiega Mallory. Non credo che le donne siano state benvenute nel settore a braccia aperte. Apri quelle braccia, Uber.

Crea risorse per i conducenti

All'inizio di questo mese, un autista Uber di Los Angeles volevo segnalare un assalto. Due uomini l'avevano colpita in faccia con un ramo di rosa, ha affermato la donna. Uber non ha un numero di telefono da chiamare per gli autisti. Ha invece inviato un'e-mail, che ha negato la sua richiesta di informazioni sul pilota. È difficile essere là fuori a lavorare sodo come me e non sentirsi supportata da loro, ha detto a CBS News. Uber alla fine ha sospeso il pilota, ma dovrebbe far sentire i conducenti supportati durante le emergenze. Lyft, ad esempio, ha una linea di risposta critica.

Riconoscere orari flessibili e sicuri



Una donna ha recentemente lasciato la flotta di Uber per unirsi a Shuddle, e Uber per bambini , perché il momento di punta della guida (e del guadagno) si verifica tra le 15:00. e 17:00, invece di venerdì e sabato sera. Si sentiva insicura come donna perché stava accompagnando a casa uomini ubriachi dal bar, ha detto il direttore dell'impegno e della crescita della comunità di Shuddle, Rachel Kim. Una delle cose grandiose delle app di condivisione delle corse, incluso Uber, è che promettono orari flessibili. Uber, adoratore del capitalismo del libero mercato, fa affidamento sulla domanda e sull'offerta per i suoi prezzi e non opererebbe mai in nessun altro modo. Ma potrebbe prendere in considerazione la possibilità di fornire una rete di sicurezza finanziaria per coloro che non vogliono fare da autista a uomini ubriachi.

Fornire un programma di tutoraggio

Questo è facile. I conducenti si sentiranno più sicuri e benvenuti se dispongono di una rete. Lyft ha un programma di tutoraggio molto semplice attraverso il quale i candidati vengono abbinati a un mentore nelle vicinanze. Una volta abbinati, i due intraprendono un giro di benvenuto, che include un'ispezione e un giro di prova. Il novellino può fare tutte le domande che potrebbe avere. Uber può fare di meglio con Lyft: offrire un programma di tutoraggio continuo. Ciò aggiungerebbe un ulteriore livello, oltre a una linea di chiamata di emergenza, di potenziale protezione durante gli scenari di emergenza.

Offri vantaggi. O, ancora meglio, vantaggi

Le persone di questi tempi vogliono lavorare per un'azienda con un senso di comunità. Sia Shuddle che Lyft hanno attratto conducenti, uomini e donne, con incontri. Uber, ancora una volta, potrebbe fare ancora meglio, perché, come di Bloomberg Katie Benner sottolineato , Uber si rifiuta di rendere i suoi autisti dipendenti effettivi e questi autisti possono sempre rivolgersi a un concorrente che offre un affare migliore. Forse dovrebbe considerare di fornire più di una rivista, come i benefici effettivi.

Una mezza dozzina di persone di varie organizzazioni con cui abbiamo parlato concordano sul fatto che, se Uber è seriamente intenzionato ad attrarre donne, dovrebbe cambiare dall'interno. E se il suo comportamento precedente è indicativo, Uber non ha intenzione di farlo.